Dr.ssa Alessandra Serras, m.d.

L'insufficienza venosa cronica (IVC) e le varici degli arti inferiori , manifestazione clinica più frequente ed evidente dell'IVC sono patologie ad alta rilevanza socio-economica per la frequenza con cui si presentano e perchè colpiscono soggetti giovani ancora in età lavorativa.

L'IVC è una condizione clinica a carattere familiare in quanto più persone della stessa famiglia ne soffrono e i fattori che ne favoriscono l'insorgenza sono numerosi fra questi, sovrappeso e obesità, gravidanza , assunzione di estro-progestinici (pillola), stare in piedi per molte ore nella giornata.

I sintomi più frequentemente associati all'IVC sono senso di peso alle gambe, gonfiore, dolore venoso (flebodinia), prurito, gambe irrequiete

E' consigliata una visita medica specialistica di chirurgia vascolare (o angiologica) sicuramente quando la malattia è conclamata ma anche in presenza di situazioni o condizioni favorenti l'insorgenza di insufficienza venosa degli arti inferiori, anche in assenza di sintomi specifici. La prevenzione della malattia delle vene che si basa principalmente su un adeguato stile di vita, elastocompressione e terapia farmacologica con flebo tonici, va attuata precocemente anche in persone molto giovani, soprattutto se esercitano una professione che obbliga a stare in piedi per molte ore al giorno. L'ecocolordoppler venoso, esame di prima scelta nella diagnostica della malattia delle vene va richiesto sempre dallo specialista vascolare, prima dell'intervento chirurgico e della terapia sclerosante.

AMBITI DI ESERCIZIO